R.U.R. (Rossum's Universal Robots)
di Karel Capek

– Traduzione, Riadattamento e Regia: Luigi Facchino –

Novembre 2019 – Premio Miglior Spettacolo – Concorso regionale ATTIMI DI TEATRO, organizzato da FITA PUGLIA e Teatro Angioino (Mola di Bari)

Giugno 2020 – Premio Miglior Attrice non protagonista – Rassegna Nazionale AmaTTori Vito D’Agostino, organizzata dal Teatro Vida (Gravina in Puglia)

Sinossi dello spettacolo:

Lo spettacolo, nonostante sia stato scritto e pubblicato nel 1920, è di un’attualità sconvolgente. Racconta le vicende di alcuni scienziati, confinati su un’isola, che scoprono il segreto della fabbricazione dei robots. Così creano un’industri produttrice dei robot con tanto di marchio ROSSUM, il nome dell’uomo che aveva dato vita a tutto questo processo di costruzione in precedenza.
Ma la cosa sfugge loro di mano e così si ritrovano contro un intero esercito di robots, che vuole a tutti i costi far estinguere l’umanità e prendere il sopravvento come unica razza esistente su tutto il pianeta, desiderando addirittura di scoprire il segreto della vita come la fecondazione e il parto. Una cosa però distingue i robots dagli uomini: non possiedono l’anima! Riusciranno nel loro intento?